MWC14 LG alla riscossa: presentati G2 Pro, G2 Mini, serie L e HomeBoy

scritto da il 26 febbraio 2014
Smartphone LG

Stesso posto, altro brand: parliamo di Life’s Good Electronics, conosciuta al pubblico come LG che, in quel di Barcellona, ha presentato un ampio roster di prodotti. Si tratta veramente del suo momento, nonostante alcuni rilasci non proprio riusciti (benché qualitativamente molto validi). Vediamoli nello specifico:

LG L Series

Serie L III
Ben 3 tre terminali di fascia medio-bassa formano la nuova schiera dei prodotti della Serie L: L40, L70 e L90.
Il primo è il più modesto per dimensioni e componenti. Parliamo infatti di uno schermo da 3.5″ con una risoluzione di 480×320, processore Dual-Core da 1.2GHz, 4GB di storage interno (espandibile tramite microSD), 512MB di RAM, fotocamera posteriore da 3mpx e batteria estraibile da 1700mAh.
Caratteristiche un po’ più nella norma per quanto riguarda l’L70, che mantiene lo stesso processore e la stessa memoria interna dell’L40, ma è più grande e più performante, con il suo schermo da 4.5″ IPS con una risoluzione di 800×400, RAM da 1GB, fotocamera frontale da 8mpx e una batteria removibile da 2100mAh.
I numeri dell’L90 sono quelli a cui siamo più abituati ultimamente, con il suo schermo da 4.7″ IPS con risoluzione qHD di 960 x 540, processore Quad-Core da 1.2GHz, 8GB di memoria interna (sempre espandibile tramite microSD), 1GB di RAM, fotocamera anteriore e posteriore rispettivamente da 1.3 e 8mpx e una batteria estraibile da 2540mAh.
Tutta la serie monterà Android 4.4 Kitkat al momento del lancio con un’interfaccia personalizzata user-friendly denominata EasyHome. Interessante sarà vedere come l’ultima versione del sistema operativo Google si comporterà con dei terminali non al top di gamma (soprattutto con l’L40 e i suoi 512MB di RAM). Altro ingrediente comune sarà l’interessante funzione KnockCode, che permetterà di sbloccare lo schermo tramite una combinazione di tap piuttosto che i classici sistemi di sblocco quali scorrimento, password o Face Unlock . Per quanto riguarda le date del rilascio non si sa ancora nulla di certo, così come per i prezzi che però si aggireranno tra i 100€ per L40, e i 200-250€ per L90.

LG G2 Pro e G2 Mini
Totalmente un’altra politica per le due nuove versioni del top di gamma: G2 Mini e G2 Pro sono rispettivamente la variante più piccola e quella più grande del celeberrimo G2, presentato lo scorso anno dallo stesso brand. Una scelta che ha il sapor di Samsung, HTC e Sony ma che fa capire chiaramente le intenzioni di volersi ulteriormente affermare nel mercato globale.

LG G2 Mini

Il G2 Mini eredita dalla versione di base il form factor (caratteristiche estetiche, ndr.) e i tasti posteriori, mentre varia totalmente all’interno della “carrozzeria”: schermo ovviamente ridotto con una diagonale da 4.7″ qHD e una risoluzione di 960×540, processore Snapdragon 400 Quad-Core da 1.4GHz, 1GB di Ram, memoria interna da 8GB espandibili tramite microSD, fotocamera da 8mpx e batteria estraibile da 2440 mAh.

LG G2 Pro

Il G2 Pro è un prodotto importante, per gli utenti che vogliono avere un device importante assicurandosi il top del mercato in tutte le componenti. Parliamo infatti di uno smartphone da 5.9″ con display HD IPS, processore Quad-Core Snapdragon 800 con frequenza di clock a 2.26GHz, ben 3GB di Ram, memoria interna da 16 o 32GB (a discrezione dei mercati) espandibile con una microSD, fotocamera posteriore da 13mpx con OIS+ (stabilizzatore ottico e digitale) capace di registrare filmati in 4K e batteria rimovibile da 3200 mAh.
Ovviamente entrambi i prodotti monteranno Android KitKat 4.4, versione che LG sta già rilasciando per il suo G2, impreziosendolo con alcune funzioni come il KnockCode, evoluzione del KnockOn già descritto in precedenza. Come per la Serie L, nulla è ancora trapelato per quanto riguarda date o prezzi di commercializzazione, ma ci aspettiamo che anche quest’ultimo sia al “top di gamma”.

LG HomeBoy

LG HomeBoy
Questa grande DockStation viene descritta a pieno dal suo nome, che ne indica il suo animo casalingo. Esteticamente molto ingombrante ma allo stesso tempo molto minimal, permette ai possessori di collegare il proprio LG G Pad 8.3 tramite Bluetooth, riproducendo così musica e suoni delle applicazioni. È anche possibile collegare questo “ragazzone” alla TV, permettendo agli utenti di riprodurre a video le azioni compiute sul proprio tablet. Ultimo ma non meno importante è la presenza del modulo NFC che può essere utilizzato per connettere altri accessori come un telecomando per il controllo remoto.
Niente notizie certe per quanto riguarda prezzo e data di rilascio di questo grande accessorio che sembra voler dare la possibilità agli utenti Android di non essere da meno in un ambito in cui gli utenti Apple regnano incontrastati.

BIOGRAFIA DELL'AUTORE

Dario Catacchio è uno studente di Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software presso l'Università degli Studi di Bari. Innamorato del mondo videoludico fin dall'età di 4 anni, da quando ricevette la SNES e Super Mario World. All'età di 8 anni ebbe a che fare con il suo primo PC e da quel momento capì che il suo mondo sarebbe stato fatto da 0 e da 1. Alla sua prima esperienza nel mondo del digital publishing, ha però ricoperto per anni il ruolo di lettore di molteplici blog sul gaming e sui computer in genere.