Unreal Engine 3 si arruola nell’esercito americano

scritto da il 30 luglio 2013
Unreal Engine

Unreal Engine 3, l’ultima versione stabile del motore grafico sviluppato da Epic Games, sarà usato dall’esercito degli Stati Uniti d’America in supporto al Sistema di Addestramento militare. Come previsto dall’accordo, la Intelligent Decisions (azienda di sviluppo con principale cliente il Governo Federale Americano) farà parte della Unreal Government Network, un progetto che supporterà, ove possibile, il governo americano e i suoi dipartimenti usando l’Unreal Engine.

Il licensing manager (direttore della licenza) dell’Unreal Government Network Jerry Heneghan ha commentato: “Siamo estremamente orgogliosi di dare il benvenuto al team Intelligence Decisions nel Unreal Government Network . ID (Intelligence Decisions, n.d.r.) è leader nell’industria delle simulazioni con il suo programma di allenamento virtuale personalizzato a l’adattamento e l’integrazione di dispositivi indossabili per addestramento e missioni di prova”.

Unreal Engine Nature

Clarence Pape, vice presidente del dipartimento dei servizi per la difesa all’interno della Intelligence Decisions, aggiunge: “Unreal Engine 3 darà agli sviluppatori degli scenari di addestramento di ID, l’abilità di integrare un sistema di feedback tattile per il fuoco in arrivo, comandi completi e strutturalmente semplici, e di personalizzare il terreno, il meteo, le forze nemiche e e altri aspetti insidiosi della vita reale durante le missioni di guerra. Abbiamo selezionato l’Unreal Government Network perché ci da accesso ad un grado di ecosistema di risorse professionale che include il pieno accesso al codice sorgente dell’Unreal Engine, supporto tecnico, formazione, e sistemi di simulazione già esistenti. Queste funzionalità ci permetteranno di fornire un nuovo livello di fedeltà dei contenuti e di efficienza nella produzione per i nostri clienti”.

Via vg247.com

BIOGRAFIA DELL'AUTORE

Dario Catacchio è uno studente di Informatica e Tecnologie per la Produzione del Software presso l'Università degli Studi di Bari. Innamorato del mondo videoludico fin dall'età di 4 anni, da quando ricevette la SNES e Super Mario World. All'età di 8 anni ebbe a che fare con il suo primo PC e da quel momento capì che il suo mondo sarebbe stato fatto da 0 e da 1. Alla sua prima esperienza nel mondo del digital publishing, ha però ricoperto per anni il ruolo di lettore di molteplici blog sul gaming e sui computer in genere.